Chi ha vestito Winnie Pooh

Scrivere a ventisette anni un articolo su un orsetto chiamato Gianni Cacchetta è forse il giusto contrappasso per non averlo visto né udito nei tempi prestabiliti (circa ventitre anni fa). Eppure, nonostante i film e i cartoni al cinema, gli innumerevoli libri e i pupazzi, nessuno, e intendo proprio nessuno, in Italia ha finora scritto... Continue Reading →

L’Occhio di Bruce Chatwin

Se Banksy avesse distrutto la sua carissima opera (quella da 860.000 sterline) una sessantina di anni fa, nella bella sala audizioni di Sotheby’s qualcuno avrebbe riso, e quel qualcuno sarebbe stato Bruce Chatwin. Sì, perché il vagabondo-narratore più famoso del ‘900, lo scrittore dei best sellers In Patagonia e Le Vie dei Canti, prima di... Continue Reading →

Omphalos: la ricerca del centro

  “Quanti ricordi, quante immagini, quanta passione e che gran mistero avvolge la parola Gerusalemme! Per noi cristiani rappresenta il punto geografico dell’unione fra Dio e gli uomini, fra l’eternità e la storia”              Giovanni Paolo II   Il pellegrinaggio ha sempre avuto, tra le sue condizioni, il concetto di... Continue Reading →

Vita da copertina: appunti su Karl James Mountford

Alla anonima e popolare espressione “Non si giudica mai un libro dalla copertina”, che sa ancora mantenere una vasta e petulante egemonia psicologica nei lettori, preferisco ampiamente la fucilata categorica di Guido Vitiello: “Giudicare un libro dalla copertina si può e si deve”. Lo dico per affinità prospettica certo, ma anche per quella malsana esperienza... Continue Reading →

Sotto un unico cielo

"[…] diciamo subito che cos'è la bellezza dei corpi. E' una qualità che diventa sensibile sin dalla prima impressione; attraverso l'intuizione l'anima la percepisce, la riconosce e l'accoglie in sé, plasmandosi in qualche modo su di essa. Quando invece ha l'intuizione di una cosa brutta, l'anima si agita e la rifiuta, respingendola come cosa che... Continue Reading →

THANOS

«Sembra una processione». Ed è così. I corridoi si ingorgano in silenzio o tra le parole sottovoce di qualcuno che divertono il discorso. Guardo succedersi – sotto i miei piedi – il profilarsi bianco delle luci che seguono l’angolo di ciascun gradino fino alla lettera della fila… incandescente. Il torii si innalza dall’acqua rossa e... Continue Reading →

Teodicea musulmana

  «Non dobbiamo perciò vergognarci di trovare bello il vero e di far nostro il vero da qualunque parte esso provenga, anche se viene da razze lontane dalla nostra e da popoli diversi: per chi ricerca il vero, nulla viene prima del vero; il vero non è diminuito ne abbassato da chi lo dice o... Continue Reading →

In Nave Sommersa #3 – E SIA COSÌ

  Quando avrà freddo portate il mio cuore a Chiavari         ’era una volta un’antica terra ove nasceva la razza delle mule selvagge, i leggendari puledri e purosangue della stessa stirpe che li cavalcava, poiché con essa germinavano, con essa combattevano e la accoglievano in grembo quando con essa nella terra morivano.... Continue Reading →

Il Dante uomo nella Commedia Divina

Quando l'arroganza di scrivere su questi argomenti senza esserne uno studioso tocca questi livelli, risulta necessaria una premessa, una recusatio di cui Dante stesso è maestro. Non ho pretese scientifiche di critica letteraria, nè la preparazione per difendermi da critiche prevedibili e lecite. Il motore di questo breve testo è il grande amore per Dante... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑